Verdure di stagione, perché sono importanti    

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Verdure

Oggigiorno si è sempre più attenti alla propria alimentazione, non solo perché da questa dipende l’estetica di una persona (essere più o meno in forma) ma anche tutta la propria salute.

Quindi si fa attenzione ad acquistare prodotti di qualità ma senza rinunciare al gusto; è il caso ad esempio delle verdure.

Se è vero che tutti sanno quanto sia importante consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno, variando per tipologia e colore, non tutti ancora sono attenti all’aspetto della stagionalità e di quanto sia importante acquistare verdura di stagione.

Diversi studi infatti hanno evidenziato che consumare verdure di stagione apportino delle proprietà nutritive superiori rispetto a un frutto o a una verdura maturata al di fuori della propria stagionalità.

In realtà, mangiare di stagione ha diversi vantaggi:

  • si mangia più saporito, le verdure di stagione sono buone, profumate e carnose e si godrà appieno del suo gusto
  • si ha la certezza di portare in tavola prodotti freschi, sicuri e naturali
  • si tutela l’ambiente, perché non si inquina trasportando la frutta ai banchi di vendita e soprattutto non vengono utilizzati fertilizzanti/pesticidi chimici
  • si risparmia, perché non saranno da considerarsi costose spese di trasporto e di conservazione
  • ci si prende cura della propria salute, la verdura apporterà tutte le sue proprietà nutritive. Mangiare salutare ed in equilibrio con i ritmi della natura, ma soprattutto diversificare, comporta un apporto maggiore di vitamine e sali minerali per l’organismo.

Ogni mese ci sono delle verdure di stagione da prediligere proprio per poter fare il pieno di nutrienti e vitamine ed essere sicuri di scegliere verdura fresca e di qualità ma soprattutto saporita.

Nel mese di settembre tocca a verdure come bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cetrioli, cicoria, fagiolini, insalata, melanzane, patate, peperoni, pomodori, porri, radicchio, ravanelli, sedano, spinaci, zucca e zucchina.
[smiling_video id=”202133″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori