Seitan, un ingrediente immancabile nella cucina vegana

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Seitan

Il seitan rientra fra gli ingredienti principali della cucina vegana, sia perché è ricco di proteine vegetali (che vanno in parte a sopperire al mancato consumo di proteine animali) e sia perché è molto versatile da utilizzare. Si utilizza sia nella cucina vegana che in quella vegetariana.

Si può acquistare in tutti i supermercati, erboristerie o negozi di alimenti naturali, ma si può preparare anche a casa.

Una facile ricetta è questa. Serviranno:

  • 1 chilo di farina Manitoba (o di farro o kamut)
  • 700 ml di acqua.

Per quanto riguarda il procedimento bisogna aggiungere in una ciotola la farina e poi gradualmente l’acqua.

Impastare fino ad ottenere un composto che non si attacca alle mani, liscio e morbido.

Immergere l’impasto così ottenuto in acqua fredda per circa 2 ore e successivamente lavare il composto sotto l’acqua corrente (lasciandolo sempre nella ciotola dove è stato impastato), alternando acqua calda e acqua fredda.

Solo quando l’acqua sarà limpida, vorrà dire che non c’è più amido ma solo glutine, quindi il seitan. L’impasto ottenuto va messo in un canovaccio e incartato con le estremità legate.

Per finire non resta che immergere il panetto nell’acqua bollente per circa 90 minuti, estrarre il seitan e lasciarlo raffreddare.

Come si cucina

Può essere cucinato alla piastra, in padella, stufato, cotto in forno, impanato per essere fritto, o cucinato al microonde.

Il seitan può essere affettato ed utilizzato per farcire panini con le verdure. L’abbinamento migliore è infatti quello con verdure e legumi. Oppure, se ne può realizzare una fettina, una scaloppina, degli hamburger, delle polpette, un arrosto.

Con il seitan, si può preparare anche un macinato per ottenere un ragù vegetale, accompagnato con sedano, carota e cipolla.

È perfetto per preparare anche uno stufato con melanzane o altre verdure, oppure per creare delle insalate, tagliandolo a dadini con spinaci freschi, noci, pomodori e germogli di soia.
[smiling_video id=”214272″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori