23 Gennaio 2022
Edit

Sapori Il Tabloid è l’inserto dedicato al mondo del cibo, dei sapori e del buon bere. Ma anche eventi, sagre e tutto quello che riguarda il mondo del food.

Legumi, ogni quando mangiarli?

Fra gli alimenti più preziosi che la nostra Terra ci offre ci sono i legumi: nutrienti, saporiti e versatili in cucina. I legumi più utilizzati sono i ceci, i fagioli, i piselli, le fave, i fagiolini, i lupini, le cicerchie ma anche la soia e le arachidi. Un alimento perfetto per chi adotta regimi alimentari come i vegani o i vegetariani.

Insomma, all’appello sono diverse le varietà di legumi che possono entrare di diritto nel nostro piano alimentare settimanale o mensile, accompagnandoli a pasta, cereali, verdure oppure usandoli per arricchire delle insalate.

A questo proposito, quante volte e ogni quando è corretto mangiare i legumi?

Idealmente è consigliabile consumare i legumi dalle 2 alle 4 volte a settimana ma questo dipende anche dallo stile alimentare che si segue.

Gli onnivori, avendo più fonti proteiche tra cui scegliere (carne, pesce, uova, formaggi), possono consumare i legumi 2-3 volte a settimana, in modo da farli “ruotare” con le altre fonti proteiche.

I vegetariani e i vegani, potendo consumare poche fonti proteiche animali (o per niente, come nel caso dei vegani), possono mangiare i legumi anche 3-4 volte a settimana, alternandoli alle altre fonti proteiche vegetali come semi di canapa e semi di chia.

Ma questo è ovviamente molto soggettivo perché a volte i legumi possono causare problemi digestivi o gonfiore, se consumati troppo di frequente.

In generale, una porzioni di legumi è costituita da circa 100-120 g cotti.

Prima di consumarli, i legumi vanno lavati e messi in ammollo per 12 ore: questa procedura riduce anche il loro contenuto di acido fitico, un anti nutriente che rende più difficoltoso l’assorbimento di importanti minerali di cui i legumi sono ricchi (come il ferro).

Poi bisogna cuocerli in acqua non salata, aggiungendo il sale solo a fine cottura.

In cottura si possono aggiungere erbe aromatiche come alloro, sedano, carote e poi condimenti come curcuma, cumino, curry, semi di finocchio per renderli più digeribili.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione Il Tabloid

Non perderti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *