23 Gennaio 2022
Edit

Sapori Il Tabloid è l’inserto dedicato al mondo del cibo, dei sapori e del buon bere. Ma anche eventi, sagre e tutto quello che riguarda il mondo del food.

Verdure cotte, un must dell’inverno

Durante i pasti si consumano sempre più le verdure cotte, non solo per accompagnare i secondi piatti ma anche come piatto unico insieme a cereali e legumi oppure per arricchire degli antipasti o dei primi piatti. Come sempre è bene consumare verdure di stagione sia per la bontà che per i prezzi.

Le verdure si possono cuocere anche al forno per risparmiare tempo: un consiglio è quello di mettere sul fondo del forno una piccola teglia con dell’acqua per evitare che le verdure escano troppo asciutte.

Per cuocere patata e zucca si può tenere una temperatura più alta (200°) mentre per verza, cipolla, radicchio e verdure a foglia, meglio una temperatura più bassa (170°).

Le verdure cotte permettono di mantenere il più possibile le proteine delle verdure nella cottura.

Meglio scegliere verdura fresca e di stagione e preferibilmente coltivata localmente.

Alcuni consigli per la cottura delle verdure:

  • consumarle con la buccia perché è proprio in questa che si concentra la maggior parte delle sostanze nutritive preziosissime di verdure come la zucca, la carota, la patata (soprattutto quando si cuociono al forno)
  • evitare lunghe cotture e l’esposizione prolungata al calore perché in questo modo le verdure perdono i loro nutrienti
  • usare poco sale, perché questo aiuta le verdure a rilasciare i liquidi, e quindi le sostanze nutritive. Nella cottura in padella, il sale va aggiunto poco prima della fine della cottura per evitare che vengano delle verdure stufate
  • preferire altri condimenti come il Gomasio (che si prepara con semi di sesamo tostati e una piccola percentuale di sale marino integrale); Shoyu (olio extra vergine di oliva e lievito alimentare); sale aromatizzato, si prepara macinando sale grosso e erbe aromatiche); salsa di tahin e curry (preparata con crema di sesamo e un poco di curry in polvere, con un goccio di olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale); aglio, capperi e mandorle (soprattutto per esaltare le verdure più amare come cicoria, radicchio, scarola e così via).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione Il Tabloid

Non perderti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *