Wasabi, come va utilizzato 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Wasabi

Al ristorante giapponese, di fianco a sushi e sashimi ci sono sempre varie salse e cremine di accompagnamento come ad esempio il wasabi, una famosa pasta verde che altro non è che una radice giapponese che si può utilizzare in vario modo.

Si può spalmare sul sushi, sashimi o tempura oppure sciogliere nella salsa di soia.

Il wasabi originale andrebbe servito fresco e grattugiato sulle pietanze (anche su riso e pesce) non più di 15 minuti prima del pasto, così da conservare le sue proprietà.

Infatti il wasabi, fra le altre cose:

  • facilita la digestione ed è un ottimo antibatterico (ed è quindi anche per questo motivo che è perfetto da abbinare al pesce crudo)
  • è ricco di Vitamina C e di antiossidanti
  • ha un elevato contenuto di acqua e di minerali
  • è utile per la depurazione dell’organismo, contribuendo all’espulsione delle tossine e alla conseguente pulizia del fegato
  • riesce ad attenuare l’odore del pesce e a prevenire le intossicazioni

Ha un sapore piccante quindi può non essere gradito da tutti, o comunque il consiglio è di assaggiarne una piccola punta e non esagerare con lo spalmarla sul sushi o sashimi.

Si può anche preparare il wasabi a casa: di solito partendo dalla radice fresca oppure dalla polvere (o ancora acquistando ed utilizzando il rafano  europeo che è più facile da trovare, a cui aggiungere un mix di spezie).

Una volta acquistata la radice fresca in un negozio di alimenti asiatici, eliminare le foglie, lavare e far asciugare all’aria aperta. Poi con una grattugia in acciaio, grattugiare la radice nel quantitativo desiderato e formare una palla; infine lasciare riposare per circa 10 minuti e servire.

Dopo aver toccato il wasabi lavarsi le mani ed evitare il contatto con gli occhi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori