Wasabi, da dove si ricava   

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Wasabi

Il wasabi è una pianta appartenente alla famiglia delle Brassicacee che cresce lungo i fiumi di montagna del Giappone. Dalla lavorazione della radice (rizoma) si ottiene la pasta di colore verde che viene utilizzata come accompagnamento per le pietanze (sushi, sashimi, tempura, riso, pesce).

Trattandosi di una pianta rara che richiede una lavorazione costosa, spesso questa pasta viene preparata utilizzando sia la radice giapponese sia il rafano europeo, un ingrediente simile ma molto più facile da trovare e lavorare e con un sapore meno piccante (che va miscelato con un mix di spezie).

La piccantezza del wasabi

Il wasabi infatti, proprio per la sua piccantezza, è conosciuto anche con il nome di namida, che nella lingua giapponese significa “lacrima” (e per questo, se usato in quantità eccessive, può portare alla lacrimazione).

Il wasabi si può anche preparare a casa: di solito partendo dalla radice fresca oppure dalla polvere.

Alla radice basterà eliminare le foglie, lavarle e farle asciugare all’aria aperta.

Poi, con una grattugia in acciaio, grattugiare la radice nel quantitativo desiderato e formare una palla ed infine lasciar riposare per circa 10 minuti e servire (è bene, dopo aver toccato il wasabi, lavarsi le mani ed evitare il contatto con gli occhi).

Ma come va usato il wasabi?

Va grattugiato sulle pietanze non più di 15 minuti prima del pasto, così da conservare le sue numerose proprietà (digestive, antibatteriche, depurative; inoltre contiene vitamina C e antiossidanti oltre che acqua e minerali).

La pasta wasabi si può anche spalmare su sushi, sashimi o tempura ma sempre facendo attenzione a non esagerare. In alternativa al wasabi, come detto, si può usare il rafano europeo (più facile da reperire se non ci sono nella propria zona dei negozi di alimenti orientali).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori