Tempura, come si prepara  

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Tempura

La tempura è uno dei piatti più amati della cucina orientale: si tratta di una frittura leggera ottenuta grazie ad una pastella all’acqua. Si possono intingere in questa pastella verdure (carote, zucchine, zucca, melanzane, patate dolci, funghi shiitake, cipolle, fagiolini, asparagi, peperoni e così via) oppure crostacei (come calamari, seppie o capesante e così via).

Per preparare la pastella occorreranno:

  • 300 g di acqua gassata fredda
  • 100 g di farina di riso
  • 100 g di farina 00
  • ghiaccio

Una tipica ricetta orientale è proprio quella dei gamberi in tempura, quindi per prepararli ci vorranno:

  • 500 g di gamberi
  • 100 g di carote
  • 100 g zucchine

Per friggere andrà bene dell’olio di semi di girasole. Cominciare con il pulire i gamberi rimuovendo la testa, le zampe e il carapace e il filamento nero sul dorso.

Appiattire leggermente i gamberi usando un matterello così che non si incurvino durante la frittura. Poi passare alle zucchine, da tagliare a fettine di pochi millimetri di spessore e fare lo stesso con le carote.

Preparare quindi la pastella versando la farina 00 e quella di riso in una ciotola e poi trasferire in un contenitore pieno di cubetti di ghiaccio. Unire l’acqua frizzante ghiacciata e mescolare brevemente con una frusta o una forchetta in modo da avere un risultato liscio e privo di grumi.

Versare poi l’olio di semi in un wok

Versare poi l’olio di semi in un wok o in una padella con i bordi alti fino a che non arrivi alla temperatura di 180° circa. A quel punto si potranno intingere i gamberi e le verdure nella pastella e poi passare nell’olio bollente per qualche minuto.

Si può infine salare la tempura e servire bollente o tiepida. L’ideale è consumarla subito e non conservarla perché altrimenti con il tempo diventerà gommosa o assorbirà tutto l’olio.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori