Verza, benefici e proprietà, ma attenzione alle controindicazioni  

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Verza

La verza o cavolo verza è una pianta dalle tante proprietà medicinali e benefici ma il suo consumo nasconde anche delle controindicazioni. La verza è una verdura stagionale perfetta in inverno da mettere insieme a carni e arrosti.

La verza è composta prevalentemente da acqua (90%); sono presenti, inoltre, proteine, fibre, ceneri, zuccheri, carboidrati ma anche sali minerali, in particolare calcio, sodio, fosforo, potassio, magnesio, zinco e ferro.

Contiene anche molte vitamine, soprattutto quelle del gruppo A, B ed E, e amminoacidi.

Questo ortaggio non contiene grassi, ha poche calorie (circa 30 kCal per etto) ed è un alimento che viene spesso indicato dai dietologi per diete ipocaloriche.

I benefici del consumarla sono:

  • contrasta l’ulcera per la presenza di vitamina C
  • è diuretica e lassativa
  • è utile in caso di anemia grazie al suo contenuto di vitamina C, B1, A ed E
  • è tonificante, quindi in grado di alleviare la stanchezza generale
  • è decongestionante perché aiuta a smaltire le tossine
  • è digestiva poiché agisce su vari disturbi digestivi, dalla diarrea alla colite ed anche sulle infiammazioni di stomaco e sui dolori intestinali
  • è utile per la circolazione in caso di cardiopatia e insufficienza venosa (varici, flebite e così via)
  • è analgesica, rappresenta un ottimo aiuto per le persone che soffrono di nevralgia multipla, mal di testa, mal di denti e sciatica
  • è astringente, favorendo la rivitalizzazione dei tessuti, è efficace nei disturbi della cute (come ad esempio l’herpes zoster o il Fuoco di Sant’Antonio)
  • è calmante poiché si utilizza nelle irritazioni oculari, per gli occhi rossi o la congiuntivite.

Le controindicazioni del suo consumo sono:

  • non è consigliabile per chi soffre di colon irritabile o di ipotiroidismo perché può causare gonfiore, dolori addominali e diarrea
  • essendo molto ricca di vitamina K, ha un effetto anticoagulante. Quindi chi si è sottoposto o è sottoposto a terapia anticoagulante dovrebbe limitarne l’assunzione
  • gli indoli contenuti nelle foglie possono diminuire l’efficacia di alcuni analgesici
  • può causare la comparsa di vesciche se utilizzata per diverse ore sotto forma di cataplasma o impacco.

[smiling_video id=”234781″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori