Seitan, come viene utilizzato

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Seitan

Un alimento simile alla carne per consistenza è il seitan che negli ultimi anni viene molto consumato soprattutto da chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana anche se ci sono differenze tra cucina vegana e quella vegetariana.

Infatti, è ricco di proteine vegetali, contiene pochi carboidrati, è privo di grassi saturi e ha poche calorie (circa 170 in 100 grammi).

Si ottiene dalla farina di frumento

Si ottiene dalla farina di frumento, attraverso un processo di filtraggio che separa l’amido dal glutine, mediante un alternato passaggio sotto acqua calda e acqua fredda, facendo in modo che resti appunto solo il glutine, ovvero il seitan.

Questo composto può essere modellato per dare forma ad hamburger, spezzatino, arrosto, bistecca, ed è dunque molto versatile da utilizzare per diverse preparazioni. Può essere cucinato alla piastra, in padella, stufato, cotto in forno, addirittura impanato per essere fritto o, ancora, cucinato al microonde.

Se ne può ricavare un “affettato” oppure una fettina o scaloppina o si può utilizzare per preparare un ragù vegetale assieme a sedano, carota e cipolla.

Può essere accompagnato da una salsa al tonno, da carciofi saltati all’olio, da funghi e asparagi, se preparato come un brasato. È perfetto per preparare anche uno stufato con melanzane.

Va bene anche per creare delle insalate

Va bene anche per creare delle insalate, tagliandolo a dadini con spinaci freschi, noci, pomodori e germogli di soia. In definitiva viene utilizzato per sostituire la carne, proprio perché ricco di proteine, povero di grassi e di colesterolo.

In realtà, bisogna fare attenzione a consumarlo, soprattutto i celiaci devono evitarne il consumo, perché è totalmente a base di glutine, come anticipato. Anche se è digeribile, non contiene gli stessi amminoacidi essenziali contenuti nella carne; per questo bisogna integrarne l’assunzione con il consumo di legumi e di integratori di Vitamina B12.

Il seitan è sconsigliato anche per chi soffre di diabete, dato che i carboidrati contenuti in questo alimento provocano un innalzamento della glicemia.
[smiling_video id=”214283″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori