Cereali, come inserirli nell’uso quotidiano

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Legumi

Diversi studi hanno dimostrato che il consumo regolare di cereali integrali (preferibilmente biologici) protegge dallo sviluppare malattie degenerative e patologie cardiovascolari. Un alimento ottimo anche per chi adotta regimi alimentari differenti con il vegetariano o il vegano.

Inoltre, i cereali in chicchi hanno il vantaggio di saziare e quindi di portare a consumare meno alimenti durante il giorno.

Ogni singolo cereale ha poi delle proprietà

Ogni singolo cereale ha poi delle proprietà particolari, ad esempio il miglio favorisce la digestione e aiuta chi ha problemi di acidità di stomaco a risolverli (per il suo alto potere alcalinizzante); l’avena ha un alto contenuto di grassi e quindi è molto energetico.

I cereali più comuni (ed anche divenuti celebri negli ultimi anni perché molto spesso inseriti nelle diete) sono mais, avena, orzo, farro, kamut, segale, quinoa, miglio.

Le loro farine di solito vengono utilizzate per ottenere derivati come pane, pasta, riso (infatti i chicchi di cereali vengono utilizzati proprio per ottenere questi prodotti) oppure come addensanti per salse e condimenti.

Ancora, si possono trovare in commercio anche i cereali soffiati, tostati o frantumati: questi si possono consumare cotti o crudi.

Per inserirli nell’uso quotidiano

Per inserirli nell’uso quotidiano si può cominciare dalla colazione, scegliendo cereali da inzuppare nel latte (al posto dei biscotti): riso integrale soffiato, miglio, fiocchi di avena (anche per fare il porridge), quinoa soffiata, fiocchi di farro.

A pranzo, invece, si potranno scegliere cereali integrali da consumare direttamente in zuppe e minestre (come farro o grano saraceno).

Ancora si può creare un primo piatto con uno di questi cereali: riso, orzo, farro, miglio, quinoa, da condire come più si preferisce, ad esempio con verdure come pomodorini, carote, zucchine, in modo molto semplice.

In ogni caso, ricordare che i cereali integrali rispetto ai cereali raffinati richiedono dei tempi di cottura più lunghi e mantengono molto meglio la cottura, preservando l’integrità del chicco, e per cuocerli basterà acqua e sale.

Alcuni cereali, come l’orzo, il farro, l’avena e il sorgo, richiedono un tempo di ammollo per facilitarne la cottura.
[smiling_video id=”214282″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori