26 Settembre 2021
Edit

Sapori Il Tabloid è l’inserto dedicato al mondo del cibo, dei sapori e del buon bere. Ma anche eventi, sagre e tutto quello che riguarda il mondo del food.

Lievito madre, che tipo di lievito è

Tutti gli amanti dei lievitati, del pane e della pizza fatta in casa non possono non conoscere il lievito madre.

Ma che tipo di lievito è?

È un tipo di lievito naturale fatto con acqua e farina che si lascia riposare in un recipiente coperto per un paio di giorni ad una temperatura di 26/28°.

In questo modo l’impasto viene attaccato dai microrganismi presenti naturalmente nella farina, nell’acqua e nell’ambiente circostante.

Questo processo può essere velocizzato aggiungendo all’impasto di acqua e farina uno starter, che può essere uno yogurt o della frutta matura frullata, con ancora la sua buccia.

Il lievito madre ha bisogno di essere “rinfrescato” periodicamente aggiungendo farina e acqua fino a che raggiunga la perfetta maturazione: dopo due giorni, infatti, bisogna reimpastare tutto con una quantità di farina pari al suo peso e l’acqua necessaria, ricordandosi di utilizzare solo la parte di impasto senza croste.

Dunque, per avere un buon lievito madre è essenziale attendere il giusto tempo, tant’è vero che non si può utilizzare subito ma bisognerà aspettare almeno un mese per poterlo adoperare nei propri impasti.

In generale esistono due tipi di lievito madre:

  • la pasta madre solida, in cui appunto la percentuale di farina è maggiore rispetto a quella dell’acqua.

Questo tipo di lievito madre deve essere rinfrescato ogni giorno, se tenuto a temperatura ambiente. Permette di preparare degli ottimi lievitati come pane, pandori, panettoni e colombe.

  • La pasta madre liquida, che contiene maggiore acqua (pari alla quantità della farina utilizzata per creare l’impasto).

In definitiva, il processo per ottenere un buon lievito madre non è difficile ma ci sono delle piccole accortezze che non possono essere dimenticate, come quelle di utilizzare una buona acqua minerale frizzante per creare l’impasto o di rinfrescare periodicamente la pasta madre ottenuta in modo da nutrire i microrganismi che si sono venuti a formare.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione Il Tabloid

Non perderti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *