21 Ottobre 2021
Edit

Sapori Il Tabloid è l’inserto dedicato al mondo del cibo, dei sapori e del buon bere. Ma anche eventi, sagre e tutto quello che riguarda il mondo del food.

Lievito secco o lievito madre, che differenze ci sono

Fra gli ingredienti più utilizzati in cucina ci sono i lieviti, delle sostanze che permettono di ottenere pane, panini, pizza ma anche panettoni, pandori e colombe.

Ci sono diversi tipi di lievito

Ci sono diversi tipi di lieviti e fra di loro esistono delle differenze, non solo nella preparazione ma anche nella conservazione o negli utilizzi.

Una differenza sostanziale esiste fra il lievito secco e il lievito madre: il primo è il classico lievito di birra che, invece di trovarsi nella forma fresca, si trova in forma secca (di polvere)

Il lievito di birra secco si genera a partire da microrganismi unicellulari, i Saccharomices cerevisiae, utilizzati anche per produrre la birra.

Il lievito madre viene creato invece a partire da un impasto di acqua e farina a cui viene aggiunto o meno uno starter (può essere uno yogurt oppure della frutta matura frullata con la sua buccia).

L’impasto viene continuamente rinfrescato

L’impasto viene continuamente rinfrescato, cioè reimpastato con farina e acqua così da mantenere attiva la fermentazione.

La prima differenza fra il lievito di birra secco e il lievito madre sta nella composizione, perché il primo è fatto solo di lievito mentre il lievito madre è composto anche da microrganismi (batteri buoni).

La seconda differenza sta nel fatto che il lievito madre va rinfrescato quotidianamente mentre il lievito secco si acquista al supermercato e avrà una sua normale scadenza.

La terza differenza sta nei tempi di lievitazione: il lievito di birra secco prevede una lievitazione più breve (circa un paio di ore) e conferisce ai propri impasti una consistenza più leggera rispetto agli impasti creati con il lievito madre.

Con il lievito madre, invece, i tempi di lievitazione sono più lunghi ma in generale si ottengono degli impasti molto più digeribili e delle preparazioni che possono essere conservate più a lungo (ad esempio il pane).

Infine, il lievito madre è altamente consigliato per tutti coloro che sono intolleranti al lievito.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione Il Tabloid

Non perderti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *