Cibi congelati, perché è importante scrivere le date

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Cibi congelati

Molto spesso si usa congelare in casa dei piatti o dei cibi che si consumeranno nei giorni successivi. Questo processo consiste nel portare gli alimenti ad una temperatura vicina ai -15°C per circa 24 ore, usando il freezer di casa. Altro ottimo modo per conservare i cibi è la macchina per il sottovuoto.

Si formano così dei cristalli di ghiaccio

Si formano così dei cristalli di ghiaccio piuttosto grandi che rompono la struttura cellulare degli alimenti ed è per questo che il cibo una volta scongelato appare più sfatto e meno compatto, e soprattutto avrà perso molti dei suoi nutrienti.

Per ridurre al minimo il rischio di perdita delle proprietà nutrizionali degli alimenti in conseguenza al congelamento, basterà seguire alcuni consigli.

Per prima cosa, non tutti i cibi si possono congelare; è meglio evitare di sottoporre a questo processo i cibi troppo ricchi di acqua o di grassi, dato che tendono a perdere la loro consistenza e anche il loro sapore.

Per quanto riguarda la carne, meglio evitare di mettere in freezer dei pezzi di grandi dimensioni, optando per fette singole e monoporzioni separate fra loro così che anche lo scongelamento sarà più facile e veloce.

Le tempistiche sono, a -18°:

  • salsicce e macinati si mantengono per 2-3 mesi
  • carne di maiale per 4 mesi
  • carne di bovino per 9 mesi
  • pollo e tacchino fino a 12 mesi.

Meglio utilizzare dei sacchetti o contenitori per congelare gli alimenti così da evitare contaminazioni e preservare le condizioni igieniche.

È importante anche scrivere le date usando un’etichetta su sacchetti e contenitori, indicando il tipo di prodotto e la data di congelamento così da sapere entro quando si potrà consumare e riconoscere facilmente ciò che si dovrà scongelare senza fare errori.

Per congelare il pesce è bene che sia pulito e eviscerato: i pesci magri, come sogliola e merluzzo, possono essere conservati in freezer per massimo 6 mesi; invece, per quanto riguarda i pesci grassi, come salmone o tonno, è bene non superare i 3 mesi di tempo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori