Echi d’inverno nel nuovo menù di Armani/Ristorante

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Echi

Nuovo menu per Armani/Ristorante, situato al piano sette di Armani Hotel Milano, in via Manzoni 31. L’inverno fa da sottofondo alla carta firmata dell’Executive Chef Francesco Mascheroni dove il gusto e i profumi di stagione accompagnano in un viaggio attraverso l’Italia con incursioni orientali.

Lo stile dello chef mette a tavola

Lo stile dello chef mette a tavola pochi elementi, ben bilanciati e interpretati con originalità e freschezza. I contrasti si combinano con sapori essenziali e ben definiti e dipingono il piatto con giochi cromatici.

Un ingrediente principale dà l’impronta a ogni singola proposta: la ventresca di tonno, il gambero rosso di Mazara, l’uovo o la tartare di fassona per gli antipasti. Il topinambur, il rombo, il branzino, la faraona o il vitello per i secondi. Sui primi lo chef propone i ravioli, lo spaghetto “Pastificio Gentile”, la Pasta Mista di Gragnano, senza dimenticare il risotto.

Uno spazio particolare al tartufo nero

Uno spazio particolare al tartufo nero pregiato, prodotto del momento, che viene interpretato dallo chef nell’Uovo 65° con spuma di pane, cardo gobbo, Parmigiano Reggiano, una rivisitazione in chiave moderna della zuppa alla pavese, nei Ravioli con fois gras, brodo di gallina ristretto, aceto di Jerez e nel Branzino con carciofi ai carboni, guanciale all’aceto rosso.

Una carta composta da 17 piatti in totale.

Resta il menu degustazione da 5 o 6 portate liberamente scelte dal cliente oppure dallo chef stesso. Una proposta a “mano libera” per una degustazione guidata che invita l’ospite a vivere un’esperienza completa.

Armani/Ristorante è aperto dalle 19.30 alle 22.30, chiuso la domenica e il lunedì sera.

[smiling_video id=”244303″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori