Santo Stefano, come riciclare gli avanzi di Natale   

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Santo Stefano,

Dopo il cenone della vigilia di Natale e il pranzo di Natale, c’è un’altra festività molto sentita, Santo Stefano. Può capitare di aver preparato così tanto da mangiare nei giorni precedenti che ci si ritrovi con degli avanzi il 26 dicembre. Per evitare gli sprechi sarebbe perfetto cercare di riciclare il cibo di Natale e vigilia, magari metterci di fianco una bella verdura di stagione fresca e saporita.

Una buona idea è riciclare gli avanzi di Natale e Vigilia ed evitare lo spreco

Vediamo allora come riciclare gli avanzi di Natale e godersi un ottimo pranzo di Santo Stefano. Se dal pranzo di Natale sono avanzate le lasagne, basterà solamente riscaldarle e mangiarle.

Se invece il 25 dicembre si è preparata una pasta, la si può riciclare preparando la pasta gratinata al forno oppure una frittata di pasta.

Basterà rompere le uova in una ciotola, aggiungere latte, formaggio, sale e pepe e unire la pasta avanzata; quindi cuocere a fuoco moderato.

Ovviamente lo stesso vale se il primo piatto del pranzo di Natale è stato un risotto, che si può riscaldare al forno e mangiarlo, magari aggiungendo delle fettine di scamorza sopra per renderlo più filante e ancora più gustoso.

Se sono avanzati degli affettati, invece, si possono usare per creare delle tartine come antipasti oppure per condire dei polpettoni.

Mentre il salmone o i gamberi avanzati possono essere usati per creare il condimento e il sugo per la pasta o per il risotto.

E se invece sono rimaste delle verdure, ad esempio lesse, dai pranzi e dalle cene precedenti, per il giorno di Santo Stefano si può pensare di creare uno sformato, unendo un po’ di carne tritata e besciamella o, ancora, si possono preparare delle polpette o delle frittate.

E se avanza il pandoro e il panettone?

Si possono ovviamente mangiare così come sono anche il giorno dopo ma perché non renderli ancora più gustosi, preparando una crema al caffè o al mascarpone?

Insomma, non si butta via niente e anche il pranzo di Santo Stefano sarà un vero successone!
[smiling_video id=”217973″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori