Brodo, un classico italiano

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Brodo

Il brodo è un gran classico della cucina italiana che si usa per cuocere delle minestre oppure è utile per tante preparazioni (risotti, arrosti). Il termine brodo deriva dal verbo latino “bullire” ovvero “bollire”, proprio per via della sua preparazione.

A partire dal 1800

A partire dal 1800 circa, affianco alle zuppe, nacque anche il brodo chiaro, quello che conosciamo oggi. Per la sua preparazione si possono utilizzare verdure, ossa, carne, pollame o pesce, e arricchire tutto con erbe aromatiche e spezie.

Il tutto, poi, va fatto cuocere a lungo e a fuoco lento, aggiungendo l’acqua.

Ci sono così diverse varianti: il brodo con carne (carne e ossa bovine e manzo, prettamente), quello vegetale (solo con verdure), quello di pesce.

La versione “classica” è quella con carota, sedano e cipolla, a cui molti aggiungono anche il pomodoro; poi bisognerà aggiungere i vari tagli di carne e ricoprire il tutto con l’acqua e far cuocere per diverse ore (oggigiorno la carne contiene già molta acqua ed è per questo che non serviranno più tantissime ore di cottura come un tempo).

Dopo la cottura, il brodo può essere filtrato e aggiustato di sale. Si può subito utilizzare per accompagnare riso, pasta, vellutate o per altre preparazioni.

Inoltre, si può anche conservare in frigorifero all’interno di una bottiglia per qualche giorno, oppure può essere congelato e poi utilizzato in seguito.

Il brodo vegetale

Il brodo vegetale invece è composto solo da verdure: sedano, carote, cipolle, pomodori (opzionali), anche patate (e tutto ciò che si preferisce).

Basterà solo sbucciare le verdure e tagliarle, poi farle brasare con dell’olio ed infine cuocerle fino a cottura ultimata.

Versare tutti gli ingredienti in una pentola con del pepe e dell’acqua, e portare a bollore; infine, abbassare la fiamma e lasciare sobbollire tutto per un’altra oretta.

A fine cottura aggiungere il sale e filtrare le verdure.
[smiling_video id=”225597″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti

Scelti dai lettori