19 Giugno 2021
Edit

Sapori Il Tabloid è l’inserto dedicato al mondo del cibo, dei sapori e del buon bere. Ma anche eventi, sagre e tutto quello che riguarda il mondo del food.

Come ottenere il pane buono a casa come quello dei forni

Al giorno d’oggi abbiamo l’abitudine di comprare il pane fresco quasi ogni giorno, ma un tempo il pane si faceva in casa, tant’è che ogni nonna sa ancora bene come prepararlo. Fortunatamente è possibile ricreare quell’atmosfera e riavere quel buon profumo di pane appena sfornato e fatto in casa anche ora, seguendo dei consigli per averlo buono come quello dei forni. Per il pane fatto in casa è bene conoscere i tipi di lievito per poter scegliere quello giusto ed ottenere un pane morbido e buono.

La scelta della farina è essenziale

La scelta della farina è essenziale: per ottenere un pane buono a casa come quello dei forni, è meglio optare per la farina di tipo 1 o di tipo 2, meglio se macinate a pietra.

In alternativa, si può usare anche la farina di manitoba che rende la mollica del pane molto più morbida. In questo caso, si possono usare 250 g di farina di tipo 00 e 250 g di farina di manitoba.

Per quanto riguarda il lievito, se non si possiede il lievito madre, meglio optare per il lievito preso a peso in panificio oppure per il lievito secco in granelli (che ha il pregio che si può conservare più a lungo in dispensa ed è pronto all’uso) oppure per il tradizionale panetto di lievito di birra (da ammorbidire per 5 minuti in acqua tiepida e poi mescolare per bene).

Olio nell’impasto

Quanto all’olio, non è essenziale aggiungerlo all’impasto; quello che però non può mancare è un cucchiaino di zucchero che velocizza la lievitazione.

Elemento importantissimo, dopo aver preparato ed impastato il pane, è proprio la lievitazione, che va fatta in un luogo asciutto.

I tempi della lievitazione variano a seconda della dimensione del pane e del lievito usato: nel caso del lievito di birra si arriva anche a 4 ore; nel caso di lievitazione con la pasta madre possono essere necessarie anche 12 ore.

Infine, la cottura, che è preferibile fare sistemando sul fondo del forno una ciotola con acqua fredda che permetterà al pane di non seccarsi e di cuocere in maniera uniforme.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione Il Tabloid

Non perderti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *