26 Settembre 2021
Edit

Sapori Il Tabloid è l’inserto dedicato al mondo del cibo, dei sapori e del buon bere. Ma anche eventi, sagre e tutto quello che riguarda il mondo del food.

Cibi congelati e cibi surgelati, che differenze ci sono?   

Alcune persone pensano che per cibi congelati e cibi surgelati si intenda la stessa cosa. In realtà c’è differenza fra le due cose: si tratta per lo più della temperatura e del tempo di lavorazione a cui sono sottoposti. Va detto che una buona alternativa al congelatore in caso di alimenti che si debbano consumare nel breve periodo è la macchina del sottovuoto che oggi ha dei costi relativamente bassi.

La surgelazione è un processo che può avvenire solo a livello industriale

La surgelazione è un processo che può avvenire solo a livello industriale (oppure utilizzando delle specifiche apparecchiature) e che permette di ottenere prodotti le cui caratteristiche nutrizionali restano invariate.

L’alimento è sottoposto a temperature inferiori ai -18°C che portano alla formazione di micro-cristalli di acqua che non danneggiano la struttura biologica del prodotto; inoltre le proprietà organolettiche e nutrizionali del cibo restano inalterate così come il sapore.

È permesso per legge, dunque, però devono essere rispettati tutti i parametri sulla sicurezza alimentare senza interrompere la cosiddetta “catena del freddo”.

Un alimento che è stato acquistato surgelato può essere subito cotto, fritto o bollito.

Per quanto riguarda i cibi congelati

Per quanto riguarda i cibi congelati invece, sono sottoposti ad un processo più lento rispetto a quelli surgelati: un prodotto congela se sottoposto a temperature comprese tra gli 0°C e i -15°C, con la formazione di cristalli di ghiaccio più grandi.

Per quello, quando si scongela un alimento, assieme all’acqua si perdono anche molte sostanze nutritive contenute in esso. È un processo che si può realizzare anche per i piatti fatti in casa utilizzando un semplice congelatore domestico e in questo modo si prolunga la conservazione dei cibi.

Come contenitori, andranno bene quelli in alluminio, vetro o plastica purché sterilizzati e integri; meglio evitare carta e cartone perché non sono impermeabili e non proteggono dalla perdita di vapore e umidità.

A differenza della surgelazione, però, con la congelazione non si blocca al 100% l’attività degli enzimi e quindi nel tempo può esserci il deterioramento della qualità originaria del prodotto.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione Il Tabloid

Non perderti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *